Elba Record - Quotidiano online
scrittore noir italiano | libri thriller mozzafiato | scrittori gialli contemporanei

Elba Record - Quotidiano online

"Passato il valico sembra un’altra stagione”. Comincia così ’Compromesso con l’assassino’ (Robin Edizioni), opera prima di Mauro Colajacomo, chirurgo veterinario con la passione del giallo e dell’isola d’Elba.

L’affermazione iniziale di una delle due voci narranti ci fa capire che il coprotagonista – come l’autore- proviene da nord per arrivare alla propria meta, un’isola con zone minerarie abbandonate e un paese arroccato che si chiama Altana; è infatti l’Elba lo scenario nel quale si incrociano due vite assai diverse, orbite differenti che si toccano in un solo punto, quello della compravendita di una casetta vista mare e sui tetti di Altana, che richiama subito alla mente Capoliveri.

Un ’giallo’ anomalo, espediente narrativo per parlare da differenti punti di vista – ma non troppo- di amore e morte, del senso della vita. Argomenti insidiosi perchè occorre saper schivare banalità e retorica a buon mercato, e l’autore ci riesce con l’accurata introspezione psicologica dei personaggi, basata sulla verità assoluta per quanto riguarda gli evidenti elementi autobiografici e sulla profonda conoscenza dell’animo umano che emerge dalle verosimili pennellate (connotati familiari e socioculturali) che disegnano il profilo del probabile assassino, nonché proprietario della casetta oggetto della compravendita.

Uxuoricida solo probabile perchè il corpo della moglie scomparsa non si trova; ed ecco che, venuti a conoscenza della vicenda, grazie anche ad alcuni elementi ritrovati nel sopralluogo alla casa in vendita, il veterinario e la moglie decidono di indagare per scoprire quale sia la verità.

E qui la struttura narrativa è davvero coinvolgente, riuscendo a prendere per mano il lettore-investigatore, portandolo sia dentro l’indagine del romanzo che, con le calibrate riflessioni filosofiche che tradiscono studi classici e filosofici dell’Autore, dentro la propria storia personale.

Carlo Rizzoli.

 

Leggi l’articolo originale

Info
Print